Passa ai contenuti principali

Cialoma



Fu durante una passeggiata nel bosco, quello posto nel fianco della montagna dell'eremita, che trovai per caso, nascosta da strani rami neri intricati simili a tentacoli di una malefica piovra, la grotta che tutti cercavano da secoli.

Era lei che aveva voluto mostrarsi a me, era lei che sentendosi protetta da un cielo nero e butterato da nuvole inquietanti aveva mostrato l'enorme cavità che mi avrebbe condotto al ritrovamento del 'Sacchetto delle origini'... ma andiamo con ordine.

Fino da quando ero bambino avevo sempre sentito strane leggende intorno all'esistenza di una grotta che ciclicamente compariva e scompariva alla vista di coloro che si erano avventurati nel bosco alla ricerca di tartufi e radici di genziana. I vecchi del paese raccontavano che alcuni erano scomparsi dopo essersi avventurati all'interno della cavità apparsa momentaneamente e poi scomparsa dopo avere inghiottito al suo interno gli sventurati curiosi.

L’evento soprannaturale era preannunciato dall’apparizione di un sentiero che si insinuava, in mezzo al bosco intricato, con la grazia malefica del procedere di un serpente in caccia di prede da ingoiare lentamente ed inesorabilmente.
Oggi io mi trovo con una cartina topografica militare in mano, per verificare le coordinate avute all’inizio della mattinata quando è iniziato il tutto. In questo preciso momento mi dovrei trovare presso La casa delle stelle, un rifugio a circa 900 metri di quota, ricavato da una antica costruzione di origine medioevale risalente al 1200 circa.
In questi nostri tempi va di moda organizzare dei finti giochi di guerra, al fine di saggiare le capacità decisionali ed organizzative dei manager delle grandi multinazionali.
Io sono uno di loro.
Io mi sono perduto.
Io adesso mi trovo all’interno di una cavità buia come i ricordi che non si desidera vengano a galla ed intravedo solamente una strana, blanda luminosità che mi riporta ai fuochi fatui di cui sentivo parlare nei racconti di mio nonno quando, sornione, voleva impressionare noi nipoti con le sue inverosimili leggende che lo riguardavano.

Esito nel procedere immerso nel buio (ma è il buio della mia chiusura al mondo?) mentre una voce lontana canta un’antica ‘ninna nanna’, cantata da una voce ormai dimenticata, mi riporta agli albori della vita senza i filtri che l’esistenza mi ha costruito attorno;

Dov’è il sonno che tarda e non viene?…
Qualche figlio di re se lo trattiene?…
Ninnananna: me’ figghiu mi ridi,
vôli ‘a naca ammenzu li nidi.
Ninnananna: mio figlio che piange
Vuole la culla in mezzo agli aranci.
Ninnananna, la ninna e la nanna:
‘ddurmiscilu tu, matri sant’Anna!

Io so il significato nascosto della ninna nanna, fatta di parole antiche, che porta con se il fascino misterioso delle antiche origini, simile alla ‘Cialoma’ che conduce i tonni alla mattanza...
Dove mi porterà questa nenia ipnotica come lo sguardo del serpente che fissa negli occhi la sua preda?
Non riesco a capire se sono preda o predatore perché in fondo, immerso nel buio, non ho paura e sono pronto ad affrontare ciò che è approntato per riuscire a riportare alle origini il mio essere ormai spento…


 Copyright Concetto Scandurra © 2012 

Commenti

Post popolari in questo blog

Paese segreto

E’ quasi buio, il primo chiarore del mattino comincia ad accarezzare il piccolo “Paese segreto” mentre una nebbiolina copre ancora lo splendido scenario della vallata abruzzese. Si intravedono frettolose figure di donne che da differenti posti del paese, si avviano speditamente verso un’unica direzione, la sala comune della pro loco dove si compirà un rito antichissimo, si comincerà ad impastare il pane che sarà poi infornato in tre tornate successive nell’arco della giornata, nel forno comunale. L’evento è nell’aria, il grande giorno è vicino. Grandi ripiani di marmo vengono circondati dalle sapienti braccia delle donne del Paese Segreto che si avventano poderose per impastare contemporaneamente la pasta che dopo modellata in forme simili ad opere d’arte diventerà pane profumato e saporito. Anche la ragazzine più grandicelle sono presenti ed impastano per conto loro piccole forme di pane a cui danno le sembianze delle inizialo dei nomi dei fratellini o da regalare ai cuginetti. All’e…

Era mio nonno

Ho sempre visto la foto di nonno Giuseppe Ferro dal basso, a casa di nonna mi guardava dal quadretto appeso al muro ed io vedevo la croce di guerra di metallo scuro e mi faceva paura.  Guardavo la nonna sempre vestita di nero incornicata dai suoi capelli bianchi testimoni di tanti dolori.  Non capivo ma mi chiedevo…poi aspettavo il giorno dei morti, il giorno che per noi bambini siciliani è particolare perché la mattina trovavamo i regali lasciateci dai nostri morti.  Ed io pensavo al nonno che non avevo mai conosciuto.  Quando andavamo al cimitero guardavo la lapide posta in alto ed io dal basso ero incuriosito da quel volto stampato nell’ovale di ceramica…ed i capelli di nonna diventavano sempre più bianchi.  Mi sono sempre chiesto com’è un nonno che non conosci, adesso lo so, è un uomo semplice che ha donato la vita per la sua patria salvando i suoi uomini mentre la morte lo aspettava al varco.  Gli eroi sono i semplici, non le persone complicate, gli eroi ragionano con il cuore. …

Era Natale

Alle 11.20 del 25 dicembre 2016, giorno Natale del Signore, cadrà il primo anniversario della scomparsa di mio nipote Matteo, per lui giorno mortale.
Come ha scritto Voltaire: ”La specie umana è la sola che sa di dover morire, e lo sa soltanto attraverso l’esperienza” Io non lo so come si muore, la morte l’ho solo sfiorata qualche volta nella mia vita, l’ho incontrata invece osservando la morte degli altri mentre si vive come se non si dovesse morire mai. Il Natale scorso ho avuto il privilegio, insieme a mia moglie Pia, di accompagnare mio nipote Matteo negli ultimi istanti della sua vita facendo compagnia a mia sorella Lucia, la madre, e mio cognato Filippo, il padre. Nel preciso momento in cui si sono fermate le macchine che tenevano in vita mio nipote da 38 giorni sospeso in una pseudo vita, è sembrato che si fermasse il mondo intero intorno a noi. Era Natale come un giorno qualunque in cui si muore e si nasce nella vita reale. Il viso pietrificato di mia sorella, immobile e terreo, l…