Passa ai contenuti principali

Il pettirosso


“La nebbia è come la vita, non sai mai cosa ti aspetta al di la di un certo punto. Ciao Matteo”

«I pettirossi non smettono mai di cantare, anche quando fuori c’è il gelo, anche quando qualche animale gli distrugge il nido e perdono i piccoli. Il loro canto non si ferma mai, mai davanti alle difficoltà, mai davanti a nulla, mai davanti alla prova più dura della vita che, fortunatamente, procede con il suo corso anche quando ci sembra che tutto sia finito. E allora, quando ti sembra che non ci sia una soluzione per nulla, quando ti senti davvero a terra, affacciati alla finestra e spegni i rumori di sottofondo, vedrai che ovunque sei, li sentirai i pettirossi.» 
Matteo era un pettirosso, un uccellino che si è fermato per sempre a Verdello, un piccolo paesino del bergamasco nebbioso ed ha lasciato una scia di sole che permane nel cielo come una ferita luminosa. Si dice che i pettirossi debbano il loro nome al fatto che uno di loro tolse con il beccuccio una spina dalla corona che cingeva la testa di Cristo e fu per questo che il petto gli diventò rosso per uno schizzo di sangue. 
Matteo con la sua esistenza innocente fatta di sofferenza continua che lui riusciva a tramutare in vita vissuta pienamente e gioiosa ha seminato su un campo molto infido ed impervio, il campo del genere umano, ed è riuscito a trasformare cuori di pietra in terra fertile. La sua vita è stata breve, troppo breve, ma osservandolo disteso sul suo letto di spine che gli martoriavano la carne mi sono sentito impreparato e quasi senza forze innanzi alla sua grandezza. I pettirossi bussano ai vetri delle finestre, quando fa freddo, per ripararsi e chiedere cibo. 
Lui ha bussato ai vetri della vita per ottenere del tempo che non gli è stato concesso, ha svolazzato nel mondo ripetutamente, ha cantato le sue canzoni ma la nebbia lo ha portato via. Ho guardato questo uccellino nel suo letto di dolore ed aveva le sembianze di un uomo sofferente con il volto scavato e la barba, malamente distribuita nelle guance, quasi ispida che profilava lame taglienti di dolore non espresso nel silenzio di una morte apparente. 
Voci lontane lo chiamavano ripetutamente, selvaggiamente, accoratamente ma il silenzio era la risposta del pettirosso, lui non volava più da un tempo nascosto a chi gli stava intorno ad accudirlo, lui non era più cosa nostra, era dell’universo. 
Giorni pesanti e neri sono arrivati e il pettirosso ha ceduto le armi con onore facendo muro fino all’ultimo istante alla morte, ma ha perso il duello. La morte ha avuto il sopravvento ed in un ultimo cenno di pietà ha reso l’onore delle armi al pettirosso cambiando le sue sembianze ed ora, mentre dorme quieto nel sonno eterno, ha il volto del bambino il pettirosso, le guance colorate e la bocca socchiusa in un ultimo saluto ai suoi cari che lo hanno tanto amato e al mondo intero. 
Ciao pettirosso, vola alto adesso e vai a togliere le spine a chi soffre e soffrirà per sempre per la tua mancanza.

Commenti

  1. Commossa ringrazio per queste tue parole degne di una perenne fioritura e al di là di ogni mortale soffrire. Mirka

    RispondiElimina
  2. Grazie a te di avere apprezzato il mio povero scritto dedicato al nipote...

    RispondiElimina
  3. Matteo, nella sua breve vita ha lasciato in tutti noi un segno incancellabile.. il segno della purezza, perchè lui era, ed è, un "PURO".
    Mi rattrista il pensiero di non vederlo e sentirlo, ma forse questo non era un mondo adatto a lui...anima santa!!!
    Lo zio Concetto in questo racconto ci ha commosso profondamente. Ciao Matteo un bacio da Cettina.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paese segreto

E’ quasi buio, il primo chiarore del mattino comincia ad accarezzare il piccolo “Paese segreto” mentre una nebbiolina copre ancora lo splendido scenario della vallata abruzzese. Si intravedono frettolose figure di donne che da differenti posti del paese, si avviano speditamente verso un’unica direzione, la sala comune della pro loco dove si compirà un rito antichissimo, si comincerà ad impastare il pane che sarà poi infornato in tre tornate successive nell’arco della giornata, nel forno comunale. L’evento è nell’aria, il grande giorno è vicino. Grandi ripiani di marmo vengono circondati dalle sapienti braccia delle donne del Paese Segreto che si avventano poderose per impastare contemporaneamente la pasta che dopo modellata in forme simili ad opere d’arte diventerà pane profumato e saporito. Anche la ragazzine più grandicelle sono presenti ed impastano per conto loro piccole forme di pane a cui danno le sembianze delle inizialo dei nomi dei fratellini o da regalare ai cuginetti. All’e…

Era mio nonno

Ho sempre visto la foto di nonno Giuseppe Ferro dal basso, a casa di nonna mi guardava dal quadretto appeso al muro ed io vedevo la croce di guerra di metallo scuro e mi faceva paura.  Guardavo la nonna sempre vestita di nero incornicata dai suoi capelli bianchi testimoni di tanti dolori.  Non capivo ma mi chiedevo…poi aspettavo il giorno dei morti, il giorno che per noi bambini siciliani è particolare perché la mattina trovavamo i regali lasciateci dai nostri morti.  Ed io pensavo al nonno che non avevo mai conosciuto.  Quando andavamo al cimitero guardavo la lapide posta in alto ed io dal basso ero incuriosito da quel volto stampato nell’ovale di ceramica…ed i capelli di nonna diventavano sempre più bianchi.  Mi sono sempre chiesto com’è un nonno che non conosci, adesso lo so, è un uomo semplice che ha donato la vita per la sua patria salvando i suoi uomini mentre la morte lo aspettava al varco.  Gli eroi sono i semplici, non le persone complicate, gli eroi ragionano con il cuore. …

Era Natale

Alle 11.20 del 25 dicembre 2016, giorno Natale del Signore, cadrà il primo anniversario della scomparsa di mio nipote Matteo, per lui giorno mortale.
Come ha scritto Voltaire: ”La specie umana è la sola che sa di dover morire, e lo sa soltanto attraverso l’esperienza” Io non lo so come si muore, la morte l’ho solo sfiorata qualche volta nella mia vita, l’ho incontrata invece osservando la morte degli altri mentre si vive come se non si dovesse morire mai. Il Natale scorso ho avuto il privilegio, insieme a mia moglie Pia, di accompagnare mio nipote Matteo negli ultimi istanti della sua vita facendo compagnia a mia sorella Lucia, la madre, e mio cognato Filippo, il padre. Nel preciso momento in cui si sono fermate le macchine che tenevano in vita mio nipote da 38 giorni sospeso in una pseudo vita, è sembrato che si fermasse il mondo intero intorno a noi. Era Natale come un giorno qualunque in cui si muore e si nasce nella vita reale. Il viso pietrificato di mia sorella, immobile e terreo, l…