Passa ai contenuti principali

Era mio zio


Attraversammo la Svizzera insieme tantissimi anni or sono, in macchina, lui guidava ed io parlavo parlavo e narravo di cose che lui non conosceva ma che voleva capire e mi interrogava «a che velocità viaggiano nello spazio i satelliti artificiali Concetto» ed io rispondevo «ad oltre quindicimila chilometri al secondo zio» e lui mi guardava per un attimo distogliendo lo sguardo dalla guida “possibile?” ed io spiegavo in modo semplice come funzionavano i satelliti ed i propulsori che li mettevano in orbita e come viaggiavano per opera delle diverse gravitazioni dei pianeti nello spazio.
«Tu hai la fortuna di avere studiato e sai tante cose mio caro nipote, io no purtroppo ed ho fame di sapere, quindi durante questo viaggio ti chiederò tutto su ogni cosa e tu mi dirai quello che sai» ed io al suo fianco, contento, «si zio, tu sei il professore che chiede ed io lo studente che deve fare l’esame» e ridevamo… e lui fumava… tanto, troppo.
Fu un viaggio bellissimo perché ebbi l’occasione di vedere posti per me sconosciuti ed osservare un uomo che nel campo degli affari e dei rapporti umani era incredibile anche se non aveva studiato perchè il più giovane di dieci figli nato durante la guerra.
Un uomo che sapeva vedere il futuro in anticipo e che capiva tante cose, un uomo libero nel corpo e nella mente, un uomo che si tuffava quotidianamente nella battaglia degli affari per dare lavoro a tante famiglie e girava il mondo vivendo sugli aerei.
Mi raccontava dei suoi viaggi incredibili in Africa e negli altri paesi del mondo e della gente che conosceva ed io lo guardavo incantato e mi tuffavo nei suoi occhi chiari cercando di vivere luoghi ed esperienze che non erano mie.
Poi la vita pose malamente un termine, con una malattia.
Lo ricordo in questa sera autunnale con grande affetto, era mio zio…Concetto!
Potrei scrivere di pagine e pagine ma per adesso mi fermo qui.
Vi racconterò un giorno.
Io e mio zio, uniti nel nome e nella fantasia.


 Copyright Concetto Scandurra © 2012 

Commenti

  1. Che bel volto! Intelligente e onesto.Non a caso hanno scelto il suo nome,Concetto,per te.Mirka

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paese segreto

E’ quasi buio, il primo chiarore del mattino comincia ad accarezzare il piccolo “Paese segreto” mentre una nebbiolina copre ancora lo splendido scenario della vallata abruzzese. Si intravedono frettolose figure di donne che da differenti posti del paese, si avviano speditamente verso un’unica direzione, la sala comune della pro loco dove si compirà un rito antichissimo, si comincerà ad impastare il pane che sarà poi infornato in tre tornate successive nell’arco della giornata, nel forno comunale. L’evento è nell’aria, il grande giorno è vicino. Grandi ripiani di marmo vengono circondati dalle sapienti braccia delle donne del Paese Segreto che si avventano poderose per impastare contemporaneamente la pasta che dopo modellata in forme simili ad opere d’arte diventerà pane profumato e saporito. Anche la ragazzine più grandicelle sono presenti ed impastano per conto loro piccole forme di pane a cui danno le sembianze delle inizialo dei nomi dei fratellini o da regalare ai cuginetti. All’e…

Era mio nonno

Ho sempre visto la foto di nonno Giuseppe Ferro dal basso, a casa di nonna mi guardava dal quadretto appeso al muro ed io vedevo la croce di guerra di metallo scuro e mi faceva paura.  Guardavo la nonna sempre vestita di nero incornicata dai suoi capelli bianchi testimoni di tanti dolori.  Non capivo ma mi chiedevo…poi aspettavo il giorno dei morti, il giorno che per noi bambini siciliani è particolare perché la mattina trovavamo i regali lasciateci dai nostri morti.  Ed io pensavo al nonno che non avevo mai conosciuto.  Quando andavamo al cimitero guardavo la lapide posta in alto ed io dal basso ero incuriosito da quel volto stampato nell’ovale di ceramica…ed i capelli di nonna diventavano sempre più bianchi.  Mi sono sempre chiesto com’è un nonno che non conosci, adesso lo so, è un uomo semplice che ha donato la vita per la sua patria salvando i suoi uomini mentre la morte lo aspettava al varco.  Gli eroi sono i semplici, non le persone complicate, gli eroi ragionano con il cuore. …

Era Natale

Alle 11.20 del 25 dicembre 2016, giorno Natale del Signore, cadrà il primo anniversario della scomparsa di mio nipote Matteo, per lui giorno mortale.
Come ha scritto Voltaire: ”La specie umana è la sola che sa di dover morire, e lo sa soltanto attraverso l’esperienza” Io non lo so come si muore, la morte l’ho solo sfiorata qualche volta nella mia vita, l’ho incontrata invece osservando la morte degli altri mentre si vive come se non si dovesse morire mai. Il Natale scorso ho avuto il privilegio, insieme a mia moglie Pia, di accompagnare mio nipote Matteo negli ultimi istanti della sua vita facendo compagnia a mia sorella Lucia, la madre, e mio cognato Filippo, il padre. Nel preciso momento in cui si sono fermate le macchine che tenevano in vita mio nipote da 38 giorni sospeso in una pseudo vita, è sembrato che si fermasse il mondo intero intorno a noi. Era Natale come un giorno qualunque in cui si muore e si nasce nella vita reale. Il viso pietrificato di mia sorella, immobile e terreo, l…