Passa ai contenuti principali

L'urlo non è di Munch



Sono un amante dell’arte e della pittura e fino ad oggi pensavo che Munch avesse realizzato la massima espressione per quanto riguarda la raffigurazione della disperazione umana ma nel pomeriggio, freddo e ventoso di qualche giorno addietro, sono uscito per andare in centro e comprare un libro.
Ha cominciato a piovere e la temperatura è scesa ancora di più e mentre camminavo gli occhi mi sono andati verso lui, “l’Urlo”, che assorto in chissà quali pensieri, senza badare alla pioggia che inzuppava i suoi miseri vestiti, recuperati chissà dove, camminava avvolto nella coperta dell’indifferenza guardandosi intorno, alla ricerca di chissà cosa. I suoi piedi erano protetti da un paio di zoccoli di legno, si guarda ancora intorno e poi comincia a rovistare in un contenitore metallico dell’immondizia alla ricerca di miseri avanzi da mangiare. 
Vedo che trova qualcosa che mette in bocca e comincia a masticare, poi rivolto al cielo lancia un urlo che mi fa stringere il cuore mentre la gente lo guarda, poi prosegue, tutto bagnato, alla ricerca di qualche altro cestino di rifiuti.
A quel punto lo seguo per vedere dove va e se posso dargli qualcosa, si ferma all’incrocio di una strada molto trafficata, indeciso, si guarda intorno, la gente incurante si affolla e lo perdo di vista, diventa di nuovo invisibile tra centinaia di visibili che non lo vedono.
Come satelliti di un pianeta indifferente viaggiamo, uomini senza meta e senza requie, verso il buio di una “non esistenza” vicino a noi, astronauti distratti incapaci di scoprire il dolore umano.
L’uomo viaggia nello spazio profondo, nel profondo degli abissi marini e nel profondo della materia tramite strumenti raffinati, ma non è capace di viaggiare nel buio dello sguardo di un bambino affamato o di un uomo solo che, per affermare la sua presenza, URLA, forse perché ha paura di scoprire di non essere figlio di un Dio giusto.
Io intanto quell’uomo solo non lo trovo più, l’ho perso, e con lui si perde un pezzo della mia coscienza. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Paese segreto

E’ quasi buio, il primo chiarore del mattino comincia ad accarezzare il piccolo “Paese segreto” mentre una nebbiolina copre ancora lo splendido scenario della vallata abruzzese. Si intravedono frettolose figure di donne che da differenti posti del paese, si avviano speditamente verso un’unica direzione, la sala comune della pro loco dove si compirà un rito antichissimo, si comincerà ad impastare il pane che sarà poi infornato in tre tornate successive nell’arco della giornata, nel forno comunale. L’evento è nell’aria, il grande giorno è vicino. Grandi ripiani di marmo vengono circondati dalle sapienti braccia delle donne del Paese Segreto che si avventano poderose per impastare contemporaneamente la pasta che dopo modellata in forme simili ad opere d’arte diventerà pane profumato e saporito. Anche la ragazzine più grandicelle sono presenti ed impastano per conto loro piccole forme di pane a cui danno le sembianze delle inizialo dei nomi dei fratellini o da regalare ai cuginetti. All’e…

Era mio nonno

Ho sempre visto la foto di nonno Giuseppe Ferro dal basso, a casa di nonna mi guardava dal quadretto appeso al muro ed io vedevo la croce di guerra di metallo scuro e mi faceva paura.  Guardavo la nonna sempre vestita di nero incornicata dai suoi capelli bianchi testimoni di tanti dolori.  Non capivo ma mi chiedevo…poi aspettavo il giorno dei morti, il giorno che per noi bambini siciliani è particolare perché la mattina trovavamo i regali lasciateci dai nostri morti.  Ed io pensavo al nonno che non avevo mai conosciuto.  Quando andavamo al cimitero guardavo la lapide posta in alto ed io dal basso ero incuriosito da quel volto stampato nell’ovale di ceramica…ed i capelli di nonna diventavano sempre più bianchi.  Mi sono sempre chiesto com’è un nonno che non conosci, adesso lo so, è un uomo semplice che ha donato la vita per la sua patria salvando i suoi uomini mentre la morte lo aspettava al varco.  Gli eroi sono i semplici, non le persone complicate, gli eroi ragionano con il cuore. …

Era Natale

Alle 11.20 del 25 dicembre 2016, giorno Natale del Signore, cadrà il primo anniversario della scomparsa di mio nipote Matteo, per lui giorno mortale.
Come ha scritto Voltaire: ”La specie umana è la sola che sa di dover morire, e lo sa soltanto attraverso l’esperienza” Io non lo so come si muore, la morte l’ho solo sfiorata qualche volta nella mia vita, l’ho incontrata invece osservando la morte degli altri mentre si vive come se non si dovesse morire mai. Il Natale scorso ho avuto il privilegio, insieme a mia moglie Pia, di accompagnare mio nipote Matteo negli ultimi istanti della sua vita facendo compagnia a mia sorella Lucia, la madre, e mio cognato Filippo, il padre. Nel preciso momento in cui si sono fermate le macchine che tenevano in vita mio nipote da 38 giorni sospeso in una pseudo vita, è sembrato che si fermasse il mondo intero intorno a noi. Era Natale come un giorno qualunque in cui si muore e si nasce nella vita reale. Il viso pietrificato di mia sorella, immobile e terreo, l…